Salta al contenuto

Ravvedimento

Scaduto il termine previsto dalla legge il ravvedimento permette di regolarizzare le violazioni relative a omesso o parziale versamento.

Argomenti
Imposte

Scaduto il termine previsto dalla legge per il versamento è possibile avvalersi dell'istituto del ravvedimento operoso per regolarizzare le violazioni relative a omesso o parziale versamento

A chi si rivolge

I contribuenti che siano in ritardo o siano incorsi in errori nel versamento del tributo, possono pagare in ritardo, integrare il pagamento dell'importo dovuto, sanzioni e interessi in misura ridotta rispetto alla misura prevista in sede di accertamento.

Accedere al servizio

Come si fa

Il contribuente calcola autonomamente quanto dovuto in ravvedimento per il caso di ritardato o parziale versamento in ragione delle sanzioni e degli interessi previsti in corrispondenza del ritardo. A tal fine ci si può avvalere dI un calcolatore.

Il pagamento della sanzione ridotta deve essere eseguito, contestualmente alla regolarizzazione del pagamento del tributo o della differenza, quando dovuti, nonché al pagamento degli interessi moratori calcolati al tasso legale con maturazione giorno per giorno.

Cosa serve

Il pagamento si esegue con il modello F24 o versando l’importo comprensivo di imposta, sanzioni e interessi e barrando la casella Ravvedimento. Le sanzioni e gli interessi sono versati unitamente all’imposta dovuta e non sono pertanto contraddistinti da un codice tributo specifico, come avviene invece per il pagamento delle sanzioni a seguito di accertamento.

Contatti

Ulteriori informazioni

Per il contribuente è possibile effettuare il ravvedimento sempreché la violazione non sia stata già constatata e comunque non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali l’autore o i soggetti solidalmente obbligati, abbiano avuto formale conoscenza.

Ultimo aggiornamento

12-05-2021 09:05